L’innovazione in sala operatoria è una realtà!

Talvolta i casi della vita ti fanno capire l’importanza ed il valore di un lavoro come il mio che fa dell’innovazione la linfa del rapporto con i nostri clienti e uno degli elementi portanti della missione di NTT DATA.

Per una serie di coincidenze, ho potuto constatare con mia piacevole sorpresa  che i medici e il personale paramedico degli ospedali hanno forti competenze tecnologiche e sono dei veri innovatori in un settore che oggi è sempre più pervaso dall’innovazione.

In sala operatoria si utilizzano le tecnologie più innovative quali di stampanti 3D, bracci robotici guidati da remoto e sono esperti anche di informatica che viene utilizzata come ausilio nella gestione del rapporto medico-paziente e che è entrata a far parte del quotidiano anche per una fruizione veloce degli esami medici.

Lo sviluppo della tecnologia e l’innovazione in campo medico, hanno favorito l’introduzione di pratiche chirurgiche innovative quali la neuronavigazione e grazie a questa è possibile che il chirurgo operi in profondità o in sede critica. Inoltre grazie alla sinergia con le moderne tecnologie di stampa 3D, la neuronavigazione potrà in futuro essere affinata ulteriormente e sarà sempre piu stretto il connubio con l’utilizzo di bio modelli e protesi e questo consentirà di aumentare il livello di successo degli interventi.

Grazie alla diagnostica per immagini (TAC) e alle stampanti 3D,sarà possibile produrre biomodelli in materiali (polimeri e/o gesso) in grado di replicare in dimensioni reali e in consistenza l’anatomia di parti del corpo come il cranio e i tessuti cerebrali. Sarà cosi possibile testare la fattibilità dell’intervento prima di entrare in sala operatoria e valutare in anticipo la migliore strategia da adottare e gli eventuali adeguamenti.

Potendo il chirurgo simulare l’intero intervento e adattare lo stampo della protesi alle esigenze del paziente, potra in sala operatoria operare con ridottissimi margini d’incertezza e conoscere in anticipo il tipo di ostacoli che potrebbero nascere tra i tessuti e il bisturi.

Sempre grazie all tecnologia sarà possibile produrre protesi da remoto, realizzarle in forma digitale in un Centro Specialistico in materiale biocompatibile con una stampante 3D e successivamente trasferire le informazioni via web e controllare l’intero processo via software e/o mediante Skype. Ciò consentirà di disporre in tempi ridottissimi il necessario all’intervento, pronto da stampare e sterilizzare per il neurochirurgo che lo richiede.

Questa innovazione è indiscutibilmente foriera di vantaggi sia per i paesi industrializzati che per quelli meno sviluppati perché la remotizzazione delle pratiche consente l’accesso a cure fino ad oggi riservate ad una elite di pazienti molto abbienti.

Aver conosciuto l’intraprendenza di questi medici innovatori ha rafforzato in me la convinzione che per innovare serve coraggio indipendentemente da quello che può essere il campo di applicazione dell’innovazione, quel coraggio che fa superare lo scetticismo di chi è arroccato su posizioni tradizionali e di difesa.

In NTT DATA siamo fieri di aver fatto dell’innovazione uno dei nostri asset fondamentali, di avere trasformato i modelli di business dei nostri Clienti, di supportarli nell’identificazione dei cambiamenti futuri e delle opportunità da cogliere.

E’ importante capire la valenza dei benefici legati ai progressi tecnologici che quotidianamente noi “Global IT Innovators” stimoliamo e favoriamo e ciò contribuisce positivamente nel dare un nuovo, ulteriore, onorabile scopo  all’impegno quotidiano nel settore IT.

giuseppe reale Written by: