Value week parte prima: il punto di vista del facilitatore che ha trasformato un progetto in perdita in un successo

Ho aderito con entusiasmo alla proposta delle Risorse Umane di partecipare in veste di “facilitator” alla Values Week che si è tenuta in NTT DATA nell’ultima settimana di Maggio, ho pensato fosse una bella occasione per mettermi in gioco e confrontarmi con i colleghi sui nostri valori aziendali.

L’attività della Value Week è coordinata a livello di gruppo da NTT DATA Corporation che definisce obiettivi, agenda e contenuti ed è veicolata a livello di singola country dall’Ufficio Human Resources che organizza i workshop, identifica i facilitators e declina i contenuti che verranno trasmessi ai colleghi che, in maniera spontanea, si iscrivono ai workshop.

Una volta chiarite le linee guida e le finalità dell’incontro, ho invitato i colleghi con cui lavoro e i colleghi conosciuti durante il Leadership Workshop e ho pensato a come rendere accattivante il workshop e come ritagliarlo sulla mia esperienza vissuta. Ho voluto evidenziare le criticità e il loro superamento attraverso un video che ha avuto come protagonisti i colleghi che lavorano dietro le quinte con i quali ho condiviso quest’avventura.

I colleghi hanno accettato subito di partecipare e di raccontare in maniera sincera le difficoltà incontrate e il loro superamento, mentre io costruivo lo story board confrontandomi con l’Ufficio Marketing, che mi ha fornito preziose dritte sull’individuazione dei messaggi chiave e un concreto aiuto nella costruzione del video. E’ stato bello riprendere le testimonianze dei protagonisti, registrare la mia voce narrante, raccogliere alcune foto del team di Milano e di Torino; sono poi rimasta piacevolmente sorpresa del risultato finale del video, più bello di quanto potessi immaginare.

E poi finalmente è arrivato il 31 Maggio e confesso che ero emozionata e felice di trovarmi con 34 colleghi che, nonostante le numerose scadenze e urgenze, erano riusciti ad essere presenti.

Ho percepito da subito un clima interessato e la voglia di capire il significato profondo della Values Week. Ho fatto del mio meglio per illustrarne lo scopo, gli obiettivi e i KPI del 2018 anche avvalendomi del supporto di video definiti a livello di Capogruppo. L’idea era quella di capire quale fosse per ciascuno di noi il valore in cui ci si sente più forti e quello da sviluppare: quasi tutti hanno votato il Foresight come valore su cui è necessario  lavorare di più.

Abbiamo poi lavorato in gruppo in modo da affinare la discussione e identificare le possibili azioni da suggerire per sviluppare il valore Foresight.

Devo dire che questo è stato un momento molto interessante e che ciascun gruppo ha prodotto molte idee tra cui ricordo la contaminazione interna sul know how, la ricerca di argomenti innovativi da proporre ai clienti, la condivisione di nuove idee all’interno dell’azienda prima ancora di proporle all’esterno per arricchirle col contributo di ognuno.

Poi è arrivato il momento della storia di successo del mio cliente che ho raccontato attraverso il video prodotto insieme all’Ufficio Marketing che ha avuto un bellissimo effetto su tutti i partecipanti e dal quale è emerso che abbiamo riscritto la storia di questo progetto puntando sull’espressione dei nostri valori:

– Client First: abbiamo conquistato la fiducia del Cliente e lavoriamo giorno dopo giorno per mantenerla;

– Foresight: toccato il fondo, abbiamo deciso di ripartire;

– Teamwork: siamo una squadra unita e interfunzionale – mercato, delivery e staff. C’è un forte senso di appartenenza al team e committment sulle iniziative interne..basta pensare, ad esempio, al percorso di Leadership intrapreso.

Confesso di essermi commossa durante la proiezione: per chi non conosce la storia del progetto forse la mia potrebbe apparire una reazione eccessiva, ma per me quei pochi minuti hanno rappresentato quattro anni di duro lavoro conclusi in modo positivo perché ce l’abbiamo fatta nonostante le numerose difficoltà. Questo video racconta una storia di resilienza e vuole essere un segno di riconoscenza verso tutti i colleghi che hanno contribuito a trasformare un “red project” in un progetto destinato al miglioramento continuo.

La storia di questo progetto è un esempio di fiducia crescente a vari livelli e oggi la sfera della fiducia si è allargata alla fiducia personale, relazionale, organizzativa e di mercato. Nell’ottica di miglioramento continuo dobbiamo continuare a lavorare per mantenere la fiducia di mercato e potenziare quella sociale.

Mi ritengo soddisfatta del confronto con i partecipanti sul caso presentato, e anche del fantastico aperitivo che ha chiuso i lavori. Ho raccolto dai colleghi numerosi feedback positivi e questo è l’aspetto che mi ha fatto più piacere anche perché, sinceramente, non me lo aspettavo.

Per me questa esperienza è stata una bella opportunità, mi sono divertita e ricaricata ricoprendo ruoli per me inconsueti: “PR” per pubblicizzare l’evento, “regista improvvisata” per qualche giorno, “facilitator” per trasferire al meglio alcuni messaggi importanti che ci guidano e ci legano.

Un grazie speciale va ad HR che mi ha invitato, ai protagonisti del video, ai colleghi del team del cliente, all’Ufficio Marketing e ai numerosi colleghi che hanno partecipato al workshop.

Spero di avere in futuro altre occasioni come questa, professionali ma al tempo stesso informali in cui trasferire ai colleghi passione, determinazione e perché no gli errori da evitare quando si gestisce un progetto.

Leggerete nella prossima storia la testimonianza di una collega che ha partecipato.

 

 

Roberta Bellodi Written by: