Leadership, creatività e voglia di osare: un pomeriggio romano all’insegna dei racconti di vita vissuta di un innovatore

Recentemente con i miei colleghi romani raccolti in una sala di un bell’albergo di Roma, ho assistito ad una presentazione su leadership e creatività che ha contribuito alla mia crescita personale e professionale e ha fornito alla platea numerosi spunti di riflessione e confronto. Protagonista indiscusso della serata Ernesto Ciorra Innovative director per una grande utility italiana, scrittore e autore di opere teatrali.

Nell’ambito dei Grandi temi del Cambiamento che sono incontri organizzati da NTT DATA per stimolare il pensiero laterale e farci confrontare con tematiche non sempre convenzionali, Ciorra è stato invitato a parlare soprattutto per il suo grande carisma che si esprime in una concreta leadership e il suo ruolo di innovatore. Ho sempre creduto nella forza delle parole che si trasmette col linguaggio, il timbro di voce, la mimica e l’energia legata al racconto di una storia e devo dire che dopo aver ascoltato questo intervento, mi sono convinto ancora di più.

In maniera molto brillante e coinvolgente, lo speaker ci ha raccontato le sue esperienze di vita privata e professionale, facendo un excursus molto divertente anche delle sue esperienze lavorative e di quanto tutte le persone con cui si trovava a contatto lo accusassero di essere “poco aziendale” e troppo spirito libero. Il suo racconto mi ha fatto capire quanto siano importanti la creatività e la leadership per la buona riuscita di un progetto, per la realizzazione di un sogno e quanto sia necessario avere il coraggio che serve per fare i conti con il proprio passato mettendolo in discussione.

In particolare mi ha colpito il trovarmi di fronte una persona che ha fatto i conti col proprio passato, ha analizzato e valutato i propri errori mettendoli in discussione ed è ripartito cercando di migliorarsi.

Con il tempo che scorreva veloce che ha fatto slittare l’orario di chiusura dell’aperitivo alla cena, si sono susseguiti spunti di riflessione su tante tematiche differenti che mi hanno offerto più punti di vista su numerosi aspetti riguardanti il lavoro e la vita in generale.

In particolare mi sono rimaste impresse queste tre frasi:

“Do or do not. Not try!” Come il maestro Yoda in Star Wars che esortava Luke a “fare o non fare. Non provare a fare!” allo stesso modo un leader deve far sua questa filosofia applicandola sia in ambito lavorativo sia nella vita di tutti i giorni. Un leader sprona le persone che lavorano nel suo tema a dare il meglio di sè e a gettare sempre il cuore oltre l’ostacolo!

Lo stesso speaker ci ha raccontato i suoi fallimenti e ci ha esortato a non nasconderli perché sono la miglior via per arrivare al successo. Solo cadendo e rialzandosi ognuno di noi impara ad andare avanti migliorando giorno dopo giorno.

“Cercate la felicità sul vostro posto di lavoro”: questa frase mi ha riportato al paradigma di Smile working che è il nostro “marchio di fabbrica”. Di fatto come le sue esperienze hanno testimoniato, solo in un clima sereno e di positività si possono massimizzare le proprie qualità e quelle degli degli individui con cui si collabora. Un leader quindi, oltre ad essere felice deve garantire la felicità del suo team e di chi gli sta intorno

Avere Vision, ambizione, sognando sempre in grande”. Partendo dalle sue esperienze e dai suoi obiettivi, che l’hanno portato a diventare un protagonista attivo del cambiamento di paradigma dell’innovazione, con il fine di affrontare al meglio le sfide poste della generazione energetica futura, Ciorra ci ha raccontato come i sogni, le idee, gli obiettivi che ci poniamo sono raggiungibili solo se siamo noi a volerlo fortemente. E’ solo sognando in grande che si possono raggiungere obiettivi sfidanti

In conclusione, questo speech è stato un vero e proprio manifesto di leadership, in cui il pensare in modo creativo ha fatto da collante per a tutti i temi trattati.

Condividendo esperienze, obiettivi, fallimenti e i traguardi raggiunti è stato egli stesso esempio per coloro i quali hanno idee, sogni e ambizioni da voler realizzare e in primis il sottoscritto che ha tratto grandi ispirazioni da questo pomeriggio.

Filippo Valeriani Written by: