Open Source e Championship, una storia di passione e innovazione!

E’iniziata per me 4 anni fa un’esperienza unica all’interno di una struttura aziendale, dal punto di vista tecnologico e soprattutto organizzativo, in cui l’obiettivo che ci siamo posti è stato quello di creare una community di esperti, appassionati e curiosi rispetto al tema Open Source, esperti che al di la della gestione quotidiana delle attività progettuali, rappresentano la vera forza ispiratrice di questo progetto.

Mi sto riferendo alla Championship Open Source che dal 2016 fino a Novembre 2018 si è posta l’obiettivo di razionalizzare un approccio metodologico che valorizzasse l’ Open Source definendo una nuova tipologia d’offerta per il mercato.

Ed ecco che ci siamo messi all’opera focalizzandoci sullo studio del vantaggio competitivo che i paradigmi aperti offrono, dei rischi di governance annessi evidenziando al nostro interno e ai nostri clienti come purtroppo l’Open Source venga utilizzato talvolta senza una reale consapevolezza dei possibili rischi che il cliente corre se non ne fa un uso corretto.

Un’importante indagine del settore dimostra che più del 78 % delle aziende hanno componenti Open Source in produzione, più del 66 % delle aziende valuta l’opzione Open Source prima di quella proprietaria e che ci sono più di 2400 licenze di Free Open Source Software. Il 55% delle aziende non hanno policy di gestione dell’Open Source e solo il 16% ha un processo di approvazione del codice in essere. I dati sono chiari e si commentano da soli!

Quindi incoraggiati da queste evidenze, la nostra community Open Source costituita da colleghi di tutte le sedi italiane e di tutte le Service Line ha concretizzato un modello di business rivendibile ai nostri clienti, indipendentemente dal loro mercato di riferimento;
Successivamente, nel Novembre del 2018 la Championship ha dimostrato la sua sostenibilità ed il management di NTT DATA ha approvato la sua evoluzione in Business Service Line!

Oggi per me è un onore di guidare un fantastico gruppo di ragazzi/e che nati dall’esperienza della Championship che alimentano con passione, un’energia contagiosa e un notevole bagaglio di competenze una community in continua evoluzione proprio come la tematica che gestiamo dimostrando che viviamo in un’azienda dove “crederci fino in fondo senza alibi” è un paradigma che ti può aprire orizzonti impensabili!
L’offerta della BSL Open Source è applicabile ad un qualsiasi ambito di mercato e questo è per i nostri clienti un vero fattore di business e un vantaggio competitivo anche grazie ai servizi di Corporate Awareness and Professional Training che permettono ai nostri clienti di creare una cultura dell’Open source al loro interno.

Inoltre la redazione Policy and Guidelines relativamente al Free Open Source Software, consente agli utilizzatori della tecnologia di avere chiari i parametri entro cui muoversi e della più corretta gestione dei rischi.
Eh si, i rischi ci sono e spesso sono tanti e nascosti, non bisogna pensare che Open Source sia sinonimo di gratuità perché il software, al pari di tutte le opere prodotte dall’ingegno umano, è sempre protetto dalle leggi sul copyright anche se in questo caso con un’accezione diversa che implica una grande attenzione quando si usano componenti Open all’interno delle nostre soluzioni.

Nella nostra offerta accanto a questi servizi professionali affianchiamo quelli più orientati alla tecnologia come FOSS Certification Services per la gestione dei Rischi all’interno del ciclo di sviluppo del software (Waterfall, DEVSECOPS) o quelli di progettazione architetturale e infrastructure delivery che, in collaborazione con le altre Service Line ci permettono di offrire ai nostri clienti un’offerta tecnologica avanzata, un design innovativo molto competitivo dal punto di voista economico.

Open Source non è solo un fenomeno strettamente correlato alle più moderne tecnologie IT, ma un paradigma che ha nettamente rivoluzionato i settori più disparati, creando fenomeni come quelli dell’Open Innovation, Open Government, Open Science, Open Leadership e molti altri ancora.
Se mi volto un attimo a guardare il mio percorso lavorativo che è partito da una piccola start up ed è arrivato con passione e determinazione fino alla gestione di una Service Line di una multinazionale di livello globale, non posso che essere estremamente orgoglioso del mio impegno e di quello delle persone che hanno contribuito nel tempo a realizzare ciò.

“Siamo l’azienda che vogliamo costruire” non è uno slogan ma una realtà.

Stefano Veltri Written by: